Attrezzature per solarium

-Testo tratto da “La parola all’esperto”
L’ABBRONZATURA INFORMA n.4 settembre 2008


Alle origini della sicurezza: il manuale d’uso.

Come negli articoli precedenti, in cui abbiamo trattato tematiche legate alla sicurezza, all’informazione e alla formazione, in questo
numero abbiamo ritenuto necessario intervistare l’ingegner Tomaselli a proposito del valore della documentazione che deve
accompagnare obbligatoriamente un solarium. L’obbiettivo che intendiamo raggiungere è che gli addetti ai lavori ne capiscano
l’importanza, sia per garantire il corretto uso dell’apparecchiatura, che per non farsi trovare impreparati di fronte ad eventuali
controlli da parte degli enti preposti.


Ingegner Tomaselli, perché ha deciso di affrontare con i nostri lettori questo argomento?
Perché credo sia indispensabile che ogni gestore di solarium prenda atto dei propri diritti nei confronti di chi gliel’ha venduto, ma anche degli obblighi verso le istituzioni il consumatore.

Perché ritiene opportuno parlarne proprio in questo momento?
Sicuramente oggi, rispetto all’aprile scorso, si discute molto di più del nuovo limite da rispettare e delle verifiche da parte delle autorità competenti. Anche la televisione ha annunciato controlli sul territorio.

Ci vuole quindi dire quali sono i documenti che devono accompagnare un’apparecchiatura per l’abbronzatura?
La direttiva comunitaria in materia di certificazione CE obbliga il venditore a consegnare, oltre all’attrezzatura, il manuale d’uso e manutenzione e la dichiarazione di conformità. La normativa di settore aggiunge anche l’obbligo delle avvertenze riguardanti la sicurezza del consumatore nell’uso dell’apparecchiatura.

Per essere certi che siano corretti, questi documenti quali caratteristiche devono presentare?
È impossibile elencarle tutte, lo spazio di questa intervista sarebbe insufficiente. Posso però dirvi la più semplice e al contempo importante: la leggibilità dei documenti sopracitati, ovvero la loro redazione in lingua italiana.

Esiste qualche altro obbligo in proposito?
Un altro aspetto fondamentale è la marcatura del solarium stesso, che deve essere realizzata in rispetto alla normativa di settore e alla direttiva comunitaria. In altre parole, su ogni apparecchiatura le minime informazioni prevedono il marchio CE, il numero di serie, il nome del produttore e la data di fabbricazione. A queste si aggiungono le marcature imposte dalla normativa di settore, nonché il rispetto del limite d’irradianza, che deve essere inferiore a 0,3W/m² per tutte le attrezzature vendute dopo il 23 Luglio 2007.

Quali consigli si sente di dare ai nostri lettori per tranquillizzarli e far sì che siano preparati ad ogni evenienza?
Sicuramente, prima dell’acquisto è bene verificare la presenza e la conformità della documentazione relative al solarium; per le attrezzature che sono già state acquistate, invece, è necessario averla a portata di mano e, qualora non la si sia ancora letta, provvedere.
Di conseguenza, per la tutela propria e del consumatore consiglio vivamente di non sottovalutare l’importanza delle informazioni sopra riportate: un uso non sicuro del solarium può recare un danno alla salute dei clienti e/o possibili sanzioni da parte degli organi preposti al controllo.

Torna alla pagina NORMATIVA